Una messa a punto – La Chiesa aggiorna le linee guida relative all’invio di materiale per il nuovo volume di Inni e per il nuovo Innario dei bambini

    Santos cantam em todo o mundo

    Da quando dieci mesi fa la Chiesa ha annunciato ufficialmente che il volume di Inni e l’Innario dei bambini verranno unificati e revisionati, abbiamo ricevuto da oltre 40 paesi gli esiti dei sondaggi e diverse proposte di nuovo materiale musicale. 

    Col procedere della revisione sono state comunicate ulteriori informazioni sugli obiettivi fondamentali della selezione di inni e canti, oltre che sulle priorità dottrinali relative all’invio di nuovo materiale musicale. Gli aggiornamenti sulle linee guida e sulle priorità per l’invio di materiale forniscono ai membri ulteriori idee su quali argomenti del Vangelo concentrarsi mentre si preparano a inviare materiale musicale prima del termine, che è fissato per il 1º luglio 2019.

    Ecco cosa potete fare

    I Santi degli Ultimi Giorni in tutto il mondo sono invitati a partecipare al processo di revisione, ha detto l’anziano Erich W. Kopischke, un Settanta Autorità generale e consulente per il lavoro di revisione. Egli ha detto: “Invitiamo tutti i membri della Chiesa del Signore che sono stati benedetti con doni in ambito musicale o poetico a condividere liberamente questi doni, come guidati dal Suo Spirito”.

    Ecco alcuni modi in cui potete partecipare:

    Membri del comitato per la revisione

    Sotto la direzione della Prima Presidenza, sono stati chiamati e messi a parte un comitato per il volume Inni e un comitato per l’Innario dei bambini affinché suggeriscano revisioni ai rispettivi volumi.

    “I membri del comitato hanno competenze in diversi campi, tra cui la musica, l’istruzione, la letteratura, le culture del mondo e la dottrina della Chiesa”, ha detto Audrey Livingston, direttore di produzione della musica sacra e segretario di entrambi i comitati.

    Creare e selezionare musica sacra per la resa del culto è un’illustre tradizione nella Chiesa, ha detto l’anziano Kopischke.

    Egli ha aggiunto: “Emma Smith è stata la prima in questa dispensazione scelta dal Signore per selezionare musica sacra da usare nella Sua Chiesa restaurata. Ciò che era vero ai tempi di Emma è vero ancora oggi: il Signore si compiace nel canto del cuore; gli inni e i canti dei giusti sono considerati preghiere per Lui, ed Egli ha promesso di rispondere a quelle preghiere con una benedizione sul capo di coloro che li cantano. Ora, il profeta del Signore ha chiamato altre persone a selezionare musica sacra in questo nostro tempo, man mano che noi, come Chiesa, continuiamo a preparare il regno di Dio sulla terra per la seconda venuta del Salvatore”.

    Steve Schank, un responsabile della musica della Chiesa, che è stato scelto per presiedere a entrambi i comiitati, ha detto che i comitati prendono in considerazione diversi fattori per assicurarsi che i loro suggerimenti siano buoni. 

    Tuttavia, i membri del comitato non hanno l’ultima parola su ciò che sarà incluso o meno nella revisione. 

    “L’obiettivo dei comitati è quello di proporre dei suggerimenti ai dirigenti generali della Chiesa”, ha detto Schank. “La Prima Presidenza e il Quorum dei Dodici Apostoli decidono che cosa andrà nel volume, pertanto questi comitati non hanno la funzione di prendere decisioni, ma di proporre suggerimenti”.

    Sentiamo molto il peso del compito in questione e siamo estremamente grati per le preghiere dei santi in nostro favore”, ha aggiunto Livingston.

    Schank ha concordato e ha aggiunto: “Anche se cerchiamo costantemente di fare del nostro meglio, riconosciamo che il nostro meglio non è abbastanza. I comitati dipendono dalla guida dello Spirito”.

    I membri del comitato per il volume di Inni
    I membri del comitato per il volume di Inni, da sinistra a destra, dall’ultima fila alla prima: Herbert Klopfer, Stephen Jones, Stephen Schank, Ryan Murphy, Cherilyn Worthen, Carolyn Klopfer, Anfissa Silva, Sonja Poulter e Audrey Livingston.
    I membri del comitato per l’Innario dei bambini
    I membri del comitato per l’Innario dei bambini, da sinistra a destra, dall’ultima fila alla prima: Jay Beck, Ryan Eggett, Stephen Schank, Jennefer Free, Cheryl Etiang, Audrey Livingston e Jan Pinborough.

    Gli obiettivi fondamentali e l’andamento del processo di selezione

    Ad ora, entrambi i comitati hanno esaminato più di 1200 brani musicali che si trovano in varie pubblicazioni musicali della Chiesa. 

    “Il comitato per il volume di Inni ha esaminato i 341 brani dell’innario inglese e altri 209 inni che si trovano unicamente in varie edizioni in altre lingue”, ha detto Livingston. “Il comitato per l’Innario dei bambini ha esaminato i 268 canti presenti nella versione inglese dell’Innario dei bambini e altri 86 canti che si trovano solo in varie edizioni in altre lingue”.

    Schank ha detto che i comitati prendono in considerazione questi cinque obiettivi fondamentali come guida nel processo per la proposta dei suggerimenti. 

    La musica sacra della Chiesa deve:

    1. Accrescere la fede e il sentimento di adorazione nel Padre Celeste e in Suo figlio, Gesù Cristo,
    2. Insegnare la dottrina fondamentale del Vangelo con potere e chiarezza.
    3. Promuovere un canto gioioso a casa e in chiesa.
    4. Confortare gli afflitti e ispirare i membri a perseverare con fede.
    5. Unire i membri della Chiesa in tutto il mondo.

    “Questi comitati continueranno a considerare gli stessi obiettivi man mano che esamineranno altro materiale musicale, tra cui alcuni cari inni di altre tradizioni cristiane e altri inni che sono stati proposti recentemente”, ha detto Schank.

    Che tipo di revisioni stanno proponendo i comitati?

    Oltre a considerare quali canti includere nei volumi, entrambi i comitati stanno anche proponendo alcune modifiche nel testo e nella musica. In genere, questi cambiamenti vengono proposti per consentire agli inni o ai canti di essere meglio allineati con gli obiettivi indicati qui sopra.

    “Nella maggior parte dei casi, le modifiche proposte riguardano piccoli miglioramenti, come cambiare una singola parola o espressione per rendere il linguaggio più sensibile a livello culturale o più corretto a livello dottrinale, oppure riguardano l’abbassamento del tono della musica per facilitare il canto”, ha detto Livingston.

    Schank ha aggiunto che cambiamenti come questi sono una pratica comune che è stata seguita in altre revisioni del volume in passato. 

    Ha continuato dicendo: “L’innario in lingua inglese del 1985, ad esempio, includeva 244 inni su cui erano state fatte modifiche nella musica, e 75 inni con modifiche nel testo. Infatti, nella versione del 1985 dell’innario, solo 18 inni sono stati mantenuti dall’edizione precedente senza alcun cambiamento”.

    Suggerimenti proposti dai membri

    Schank ha detto che la Chiesa ha esteso un invito senza precedenti ai Santi degli Ultimi Giorni in tutto il mondo, esortandoli a partecipare nelle revisioni inviando suggerimenti tramite un sondaggio online. 

    Ad oggi, il brano che ha ricevuto più segnalazioni è “Come, Thou Fount of Every Blessing”. Schank ha fatto notare che questo inno è stato pubblicato in precedenti edizioni dell’innario in lingua inglese, ma che è stato rimosso dalla revisione dell’edizione del 1985 poiché era poco utilizzato. Schank ha elogiato l’arrangiamento di Mack Wilberg del 1993 dicendo che ha dato “nuova vita” e una diffusa popolarità all’inno. 

    Inoltre, molte delle persone che hanno partecipato al sondaggio hanno suggerito di prendere ispirazione da canti e inni facenti parte di altre tradizioni cristiane, come l’inno “Amazing Grace”, che non è mai stato pubblicato dalla Chiesa. 

    Altri suggeriscono di includere dei brani musicali della Chiesa che sono noti ma che non sono mai stati inclusi prima d’ora nel volume di Inni o nell’Innario dei bambini, come il canto “If the Savior Stood Beside Me”.

    A prescindere dai cambiamenti che ci saranno nella musica della Chiesa nei prossimi anni, Schank e Livingston concordano che l’intendo della musica della Chiesa rimarrà lo stesso: ispirare tutti coloro che la ascoltano a continuare a percorrere il sentiero dell’alleanza del Salvatore.


    Livingston ha detto: “La musica sacra rafforzerà le famiglie e gli individui mediante un approccio incentrato sulla casa e sostenuto dalla Chiesa per insegnare la dottrina, rafforzare la fede e incoraggiare a rendere il culto personalmente a un livello più elevato”.