Messaggio dei dirigenti di area

    I doni di Cristo per noi

    /acp/bc/cp/Europe/Area Images/area leadership messages/december-2018/three-wise-men-gifts-960076-1600x900.jpg

    Durante il mese di dicembre, nelle scuole dell’infanzia o in occasione delle riunioni in Chiesa, i bambini si vestono con accappatoi e asciugamani per mettere in scena la Natività.  Solitamente la storia si conclude quando i Magi trovano Gesù bambino e Gli offrono i propri omaggi di oro, incenso e mirra.

    Che doni interessanti sono questi!  Sebbene alcuni credano che queste offerte abbiano una natura pratica, è più probabile che siano state concepite per ragioni simboliche.

    Questi tre doni fatti a Gesù non sono solamente delle prefigurazioni di ciò che sarebbe stata la Sua vita,[i] ma anche delle rappresentazioni dei regali che il nostro Salvatore avrebbe offerto a noi tramite la Sua missione e il Suo sacrificio espiatorio.

    L’oro è il dono fatto di solito ai re, [ii]in quanto è simbolo di potere sovrano e di regalità.[iii]

    L’oro ci ricorda anche che Gesù Cristo ci ha fornito una via per permetterci di raggiungere l’Esaltazione.  Tutti coloro che seguiranno Gesù Cristo come Suoi discepoli nell’alleanza, e che persevereranno sino alla fine, riceveranno una “corona di rettitudine”.[iv]  I veri seguaci di Cristo sono una “generazione eletta, un real sacerdozio, una gente santa”.[v] In verità, grazie a Gesù Cristo noi potremo un giorno “[ereditare] troni, regni, principati, e potestà, e domini, ogni altezza e profondità”.[vi]  L’oro ci ricorda dello scettro di tutti i doni — l’Esaltazione — resa disponibile per noi solo grazie a Gesù Cristo, il Re dei re.[vii]

    L’incenso proviene dalla resina dolce di un albero e veniva usato nelle ordinanze del sacerdozio, nelle offerte fatte col fuoco e negli olii per l’unzione dei sacerdoti.[viii]  L’incenso indica che Gesù è il grande Sommo Sacerdote,[ix] ma serve pure a ricordarci che Egli è anche l’Agnello di Dio[x], il “grande e ultimo sacrificio; […] sì, infinito ed eterno”.[xi]

    L’incenso ci rammenta il dono dell’amore del Salvatore — amore così grande da far sì che Gesù sacrificasse la Sua vita.  “Nessuno ha amore più grande […]”.[xii]

    Nel Nuovo Testamento, la mirra è solitamente associata all’imbalsamazione e alla sepoltura, per via delle sue qualità conservanti.[xiii] L’uso della mirra come medicinale può simboleggiare il ruolo di Cristo quale Sommo Guaritore e il fatto che venisse utilizzata nelle sepolture può essere una rappresentazione della “coppa amara” che Egli avrebbe bevuto quando avrebbe sofferto per i nostri peccati.[xiv]

    La mirra ci aiuta anche a ricordare che Gesù Cristo “spezzò i legami della morte”.[xv] Egli ci ha fatto il dono della risurrezione.  Di sua spontanea volontà, Egli è morto ed è tornato in vita, così che noi possiamo fare lo stesso.  Le ossa secche dei morti che vide Ezechiele diverranno un giorno anime viventi.[xvi]

    Considerata la natura altruista e gentile del nostro Salvatore, non dovrebbe sorprenderci il fatto che queste offerte, presentate al neonato Gesù, siano state consacrate per il nostro beneficio e ci siano state ripresentate quali promemoria simbolici di alcuni dei doni più preziosi che il Salvatore fa all’umanità.

    Nella sezione 88 di Dottrina e Alleanze ci viene detto:

    “Poiché, che giova ad un uomo se gli è accordato un dono ed egli non lo accetta? Ecco, egli non gioisce di ciò che gli è dato, né gioisce di colui che ha dato il dono”.

    Forse, uno dei regali più grandi che potremmo fare al nostro Salvatore durante questo periodo di Natale è quello di ricordare, avere cura e ricevere sinceramente i Suoi doni per noi.

    Inoltre, potremmo cercare di rendere noti questi doni agli altri.

    Rendo testimonianza che Gesù Cristo è il Figlio di Dio, il grande Emmanuele, e la fonte di ogni buon dono.

     


    [i]New Era, Thoughtful Gifts, Rebekah Atkin, dicembre 2011

    [ii]1 Re 9:14, 28

    [iii]New Era, Thoughtful Gifts, Rebekah Atkin, dicembre 2011

    [iv]DeA 29:13 (corsivo aggiunto)

    [v]1 Pietro 2:9 (corsivo aggiunto)

    [vi]DeA 132:19 (corsivo aggiunto)

    [vii]1 Timoteo 6:15

    [viii]New Era, Thoughtful Gifts, Rebekah Atkin, dicembre 2011

    [ix]Ebrei 4:14–15

    [x]1 Nefi 10:10

    [xi]Alma 34:10–15

    [xii]Giovanni 15:13

    [xiii]Giovanni 19:39–40

    [xiv]DeA 19:18–19

    [xv]Mosia 15:8–9

    [xvi]DeA 138:43

    I 3 Magi rendono grazia