Salta navigazione principale

Gli aiuti umanitari e la chiesa mormone

Sia i missionari mormoni che gli altri membri della Chiesa trascorrono molto del loro tempo ad aiutare gli altri attraverso un servizio cristiano amorevole.

Quando un uomo chiese a Gesù Cristo quale fosse il più grande tra i comandamenti, Gesù insegnò: “Il primo è: […]  ama dunque il Signore Iddio tuo con tutto il tuo cuore e con tutta l’anima tua e con tutta la mente tua e con tutta la forza tua. Il secondo è questo: Ama il tuo prossimo come te stesso” (Marco 12:29–31). Come cristiani, i membri della Chiesa di Gesù Cristo dei Santi degli Ultimi Giorni (a volte chiamati “mormoni”) fanno del loro meglio per seguire il comandamento di Gesù Cristo di dimostrare amore al prossimo in tutto il mondo. I mormoni credono che il servizio è uno dei modi migliori per dimostrare amore agli altri. Ispirati dagli ammonimenti scritturali di amare e servire gli altri (vedere Giacomo 1:27; Alma 34:27–29), i mormoni aiutano i loro fratelli e le loro sorelle che versano in stato di bisogno in molti modi diversi.

In che modo la Chiesa di Gesù Cristo dei Santi degli Ultimi Giorni serve gli altri?

La Chiesa di Gesù Cristo dei Santi degli Ultimi Giorni è coinvolta in una serie di progetti di servizio che raggiungono ogni anno decine di migliaia di persone in tutto il mondo. Diverse organizzazioni all’interno della Chiesa curano le sue opere di servizio e soccorso, inclusi LDS Charities e il Centro degli aiuti umanitari.

  • LDS Charities gestisce una serie di programmi umanitari a livello mondiale che si basano “sui principi della responsabilità personale, del sostegno alla comunità, dell’autosufficienza e della sostenibilità” (“What We Do”, ldscharities.org). Tra le iniziative di LDS Charities vi è Benson Food, che si focalizza sull’aiutare “i beneficiari ad accrescere la sicurezza alimentare attraverso pratiche sostenibili ed economiche”, tra cui la produzione domestica dei cibi, il miglioramento nella nutrizione e l’immagazzinamento dei cibi. Benson Food opera in dodici paesi e nel 2016 ha servito circa 116.000 persone (vedere “What We Do”, ldscharities.org).

Altre iniziative gestite da LDS Charities si concentrano su acqua potabile, risposta nelle emergenze causate dai disastri naturali nel mondo, dai disordini civili, dalla carestia; su vaccinazioni, cure materne e neonatali, cure oculistiche e fornitura ai disabili di sedie a rotelle e apparecchi per la mobilità (vedere “What We Do”, ldscharities.org). LDS Charities lavora anche con organizzazioni partner in tutto il mondo al fine di accrescere l’impatto delle iniziative e di soddisfare al meglio le necessità locali.

  • Il Centro degli aiuti umanitari dei Santi degli Ultimi Giorni è situato a Salt Lake City, nello Utah, USA. Al Centro degli aiuti umanitari vengono preparate provviste per scopi umanitari da distribuire in tutto il mondo. Normalmente in un anno il Centro degli aiuti umanitari spedisce approssimativamente 3.500 tonnellate di calzature e vestiario, 300.000 kit per l’igiene e per la scuola e 12.000 trapunte in più di cinquanta paesi (vedere “Latter-day Saint Humanitarian Center”, lds.org/topics). Quando è possibile, le forniture per scopi umanitari vengono acquistate vicino al luogo in cui sono necessarie. Inoltre, al Centro degli aiuti umanitari, viene fornito un corso di addestramento all’autosufficienza che dura fino a 18 mesi destinato ai membri vulnerabili della comunità, tra cui i profughi e gli immigranti, per aiutarli a prepararsi a entrare nel mondo del lavoro. Al termine dell’addestramento, il centro aiuta i partecipanti a trovare un impiego.

Oltre a questi sforzi globali e a numerosi piccoli progetti di servizio sponsorizzati da singole congregazioni, molti membri della Chiesa hanno anche servito tramite il programma “Mani mormoni che aiutano”. Facilmente riconoscibili dalle casacche gialle, i volontari di “Mani mormoni che aiutano” offrono servizio alla comunità e soccorso in caso di disastri (vedere “Helping Hands”, lds.org/topics). Lo scopo di Mani mormoni che aiutano non è di fornire merci o fondi, ma di offrire servizio volontario nei momenti di necessità. Le migliaia di comuni membri della Chiesa che hanno dedicato volontariamente il loro tempo ai progetti di “Mani mormoni che aiutano” attestano che i mormoni sono cristiani che contribuiscono al benessere delle loro comunità.

Che cosa fanno i missionari mormoni per servire gli altri?

Molti membri della Chiesa offrono un servizio amorevole e cristiano servendo come missionari. Molti missionari mormoni svolgono regolari missioni di proselitismo durante le quali trascorrono gran parte del loro tempo a predicare il vangelo di Gesù Cristo. Molti altri membri della Chiesa svolgono missioni di servizio. Le missioni di servizio rappresentano spesso un’alternativa per i giovani che non sono in grado di svolgere una missione di proselitismo a causa di difficoltà di carattere fisico, mentale o emotivo (vedere “Prepararsi a servire”, lds.org/callings/missionary). Anche molte coppie più mature decidono di svolgere missioni di servizio per la Chiesa. Durante le missioni di servizio, i missionari mormoni potrebbero trascorrere il loro tempo a prestare aiuto nei gruppi di sostegno per il recupero dalle dipendenze; a servire presso i magazzini del vescovo, dove il cibo è disponibile gratuitamente per i bisognosi; ad aiutare con le risorse per l’impiego; a contribuire a soddisfare le necessità fisiche e spirituali delle persone che vivono in quartieri poveri e ad aiutare gli altri con le ricerche di storia familiare o con l’indicizzazione di registri storici (vedere “Explore Opportunities”, lds.org/callings/missionary).

Come posso saperne di più?

Come cristiani, i mormoni fanno del loro meglio per seguire il comandamento del Salvatore di fare agli altri ciò che vorrebbero fosse fatto a loro (vedere Matteo 7:12). Vi sono infiniti modi in cui i membri della Chiesa di Gesù Cristo dei Santi degli Ultimi Giorni, inclusi i missionari mormoni, servono le persone in tutto il mondo. Per saperne di più sugli atti di servizio resi dalla Chiesa, visita mormon.org.

uomo al servizio